fbpx

Creare uno studio in casa, da dove partire per farlo con stile

Creare uno studio in casa. Da dove partire per farlo con stile

Un tema mai come oggi attuale per tutti è la necessità di creare un angolo dedicato allo studio, al lavoro, che sia la professione che si svolge solitamente in ufficio o l’attività che ci porta tutti i giorni fuori casa.

Gli appartamenti in città spesso hanno lo spazio ridotto e dovendo fare una scelta delle priorità, tra cucina, camera da letto per sé e per la famiglia, l’angolo dedicato al lavoro viene sacrificato.

Spesso oggi si passa così tanto tempo fuori casa che sicuramente una volta li, si ha voglia di dedicarsi ad altro.

Ci sono momenti però in cui anche il lavoro ci segue a casa, magari delle scadenze importanti ci costringono a portare il pc e il materiale dentro le mura domestiche.

Una volta lo studio era un posto sacro, un luogo in cui troneggiava una grande scrivania, una libreria ancora più ingombrante con i testi della professione. Era il luogo dedicato al lavoro, ma a casa.

Oggi i tempi sono cambiati, la conoscenza spesso è passata dal cartaceo al digitale, e per quanto la formazione sia un valore che non può prendere le distanze totalmente dalla carta, l’informazione e la comunicazione sono diventate smart e digitali. L’arredamento dello studio quindi ha cambiato faccia, seguendo i bisogni del lavoro di oggi.

Oggi quando si parla di studio a casa, si intende un luogo, magari anche ritagliato all’interno di uno spazio esistente in cui potersi isolare e concentrare nel proprio lavoro.

Questa soluzione smart, ben si coniuga con i principi di minimalismo che Plinio traduce nel suo stile di arredamento.

Come arredare il tuo studio

Quando si inizia a pensare a come arredare lo studio, il nostro consiglio è quello di iniziare dai pezzi cult, che sono necessari per avere una stanza dedicata al lavoro, funzionale e pratica.

Per cominciare la scrivania deve essere comoda e spaziosa, in modo da rendere più facile lavoraci.

La scrivania per eccellenza di Plinio è la nostra Regency. Scrivania in legno di rovere massello, nata dalla sapiente lavorazione dei maestri artigiani, Regency è disponibile con o senza cassetti, realizzabile su misura.

Sicuramente il cassetto è molto utile, perché una volta che hai finito di lavorare puoi riporre tutto all’interno, il pc, il tablet e i tuoi appunti.

Con la nostra Regency la sedia più adatta e più comoda per essere abbinata è la Director. Nata per essere la sedia da scrivania, comoda ed ergonomica, ha un’ampia seduta e braccioli che permettono di appoggiarsi e mantenere la posizione corretta.

Quando però lo spazio e poco, ma non si vuole rinunciare allo stile e a un prodotto fatto a mano, abbiniamo la Seggiola, una sedia sempre in rovere massello, ma un po’ più piccola, per non ingombrare, ma allo stesso tempo essere comoda anche per lavorarci ore.

Puoi abbinarla anche alla Director, mettendone due dal lato opposto della scrivania.

Il secondo elemento fondamentale per creare uno studio pratico è la libreria.

Come abbiamo detto, non tutte le professioni necessitano della quantità di libri da possedere in casa come accadeva di una volta, però ogni lavoro richiede di avere dei testi di facile consultazione.

Shelf, la libreria in legno di rovere massello, pratica a classica, è la soluzione che Plinio ha disegnato e che da oltre trent’anni arreda gli studi e le case di Milano.

Profonda solo 20 cm, per non ingombrare, Shelf, grazie all’ingegnoso controllo dei pesi resta in piedi anche senza essere agganciata al muro.

Sembra una scala, uno scaffale, ma con una linea che riprende le librerie inglesi dell’800.

Per movimentare lo spazio suggeriamo di accostare moduli di larghezze diverse, da 40, 80, 100 cm con cui giocare con la disposizione dei libri.

Per completare il tuo studio manca ancora un aspetto, la luce.

Per lavorare bene e creare il giusto ambiente, anche nel caso ci siano degli ospiti, bisogna curare con particolare attenzione l’illuminazione.

Tozzo è la lampada in ottone da terra, tornita a mano, nata nello storico laboratorio delle luci di un maestro fiorentino, che ne ha disegnato la forma ispirandosi alle forme vintage delle lampade anni ’50.

Grazie al cono che direziona il fascio di luce, Tozzo è particolarmente adatta ad essere posizionata a terra a lato della scrivania per illuminare il piano di lavoro.

Se lo spazio, invece, è limitato e si preferisce una puntata sul piano di lavoro, i nostri paralumi (Pinocchio, Bowl e Trequarti) possono essere una valida alternativa.

 

Come ritagliare in casa un angolo studio, se non ne hai mai avuto uno

 Se non hai mai pensato di avere bisogno di uno studio anche a casa tua, il primo passo è capire dove puoi ritagliare uno spazio idoneo.

In pochi hanno delle stanze in più, gli appartamenti di città sono spesso piccoli e limitati.

Il primo passo è trovare un luogo, magari in sala o in camera da letto, da dedicare al tuo studio.

Considera che per creare uno spazio adatto dovrà essere innanzitutto ben illuminato, quindi sotto una finestra o direttamente illuminato dalla sorgente naturale.

Deve essere uno spazio che possa essere “ritagliato” nella stanza, quindi il più possibile distaccato dal resto.

Il tuo studio deve innanzitutto avere una scrivania e delle sedie, direi una se lo spazio è davvero ridotto, ma un paio sarebbero perfette, in caso dovessi lavorare con qualcuno.

La scrivania può essere di varie forme, rettangolare o quadrata, con cassetti, oppure ancora trasformabile, come una consolle che può essere aperta quando ti serve e diventare un ripiano quando non la usi più.

Plinio il Giovane ha disegnato soluzioni trasformabili e minimali, arredi che in modo ingegnoso hanno risolto in modo intelligente e unico problemi di spazio.

C’è chi infatti poi non ha spazio e cerca una soluzione trasformabile, che quando serve possa dare lo spazio in più di cui si ha bisogno per lavorare, ma poi si possa riporre.

La Consolle Regency nasce proprio per questo. Rotonda o ovale, è una consolle con due ali laterali che possono essere aperte a formare un tavolo rotondo o anche rettangolare, oppure chiuse su uno o entrambi i lati.

Chiusa da un lato si può appoggiare al muro e diventare uno scrittoio classico e pratico, se chiusa da entrambi diventa una consolle, anch’essa comoda per essere utilizzata come piano di lavoro.

E’ la soluzione classica e allo stesso tempo elegante e minimale per ogni ambiente, che non stona con il resto dell’arredamento e anzi si adatta anche quando non la stai utilizzando come postazione di lavoro.

C’è poi chi di spazio ne ha poco, ma quando lavora ne ha bisogno del doppio!

Ecco come è nato Be Square.

Un cubo in legno di rovere massello di 78 cm per lato che da solo è un perfetto tavolo, per lavorare, farci la colazione o pranzare in due o più persone. Un cubo versatile e poco ingombrante, completato da uno specchio della stessa grandezza con una cornice in legno, di design, che arreda la tua casa.

Ecco però che se hai bisogno del doppio del piano di lavoro basta sganciare dal muro la cornice dello specchio e appoggiarla al cubo per avere un piano di lavoro raddoppiato!

Potrai lavorare al pc, appoggiare strumenti di lavoro o da disegno che richiedono una grande superficie, perfino organizzare una riunione di lavoro a casa!

La versatilità di avere due oggetti che si trasformano e regalano il doppio dello spazio ma solo quando ne hai bisogno!

Lavorare in basso non è per tutti, alcuni preferiscono stare in alto.

Non tutti lavoriamo bene su una scrivania, c’è chi ama il bancone e lo sgabello, perché magari non ci sta per ore ma vuole un appoggio dove poter utilizzare il pc a casa.

Lavorando su misura e seguendo le esigenze dei nostri clienti abbiamo realizzato delle soluzioni personalizzate che sono diventate poi degli arredi che a loro volta sono stati scelti da altri clienti ancora.

Così è nato Il Bancone di Plinio.

Dall’idea del cubo, diventa meno profondo e più alto, un bancone dove potersi appoggiare e lavorarci al pc. Con Sgabello in legno di rovere massello lavorare così è facile e comodo grazie allo schienale alto pensato per sostenere il corpo, oppure per chi ama il contrasto tra materiali, puoi abbinare Dario, lo sgabello in ferro, nato per interno o per esterno che regala un tocco di urban style al tuo angolo studio. 

Il Bancone è una soluzione versatile che si adatta sia ad una cucina, che ad una camera  o ad un soggiorno, la postazione di lavoro che non ti accorgi che ci sia.

Lavorare a casa con creatività non è mai stato così facile!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Caffè Letterario di Plinio il Giovane Chi c’è, c’è…”, è il titolo della terza edizione del caffè letterario di Plinio il Giovane in Bellagio. Quest’anno […]

Leggi di più…

Read More »
footeronline.png